49 visitatori online
Programmazione Cinema a Matera
TheNewsmarket.com

Basilicata, press tour con giornalisti TG2 e TG5

AddThis Social Bookmark Button

“Il legame della gente con la storia, le tradizioni, la cultura del proprio territorio evoca una dimensione da cantastorie che fa della Basilicata uno straordinario romanzo da leggere tutto d’un fiato”. Così identificano la Basilicata i giornalisti Tommaso Ricci, capo della redazione cultura e spettacoli del Tg2 e responsabile della rubrica di approfondimento culturale del Tg2 “Mizar”,  e Marina Buttiglione Ricci, storica vaticanista del Tg5. Durante il press tour organizzato dall’APT nell’ambito del progetto “Basilicata Sacra”, in collaborazione con l’Opera Romana Pellegrinaggi, dal 21 al 24 agosto hanno attraversato la regione: da Matera a Miglionico, fino a Montescaglioso, proseguendo alla volta di Viggiano, Sant’Arcangelo e Aliano, con una tappa anche a Brindisi di Montagna, per assistere al Cinespettacolo “La storia bandita”.

“Questa regione si può anche non conoscere, ma se si arriva e ci si guarda intorno è difficile possa non piacere” – esordisce Marina Buttiglione Ricci. Per lei Matera “è una città in cui ti ritrovi ad ascoltare il rumore del silenzio, non vuoto ma ovattato, che ti guida su sentieri sacri e concilia l’anima con i luoghi che visiti. Io sono salentina – prosegue – ma, dopo averla vista, credo che per le altre città la competizione sia davvero dura nella corsa a Capitale Europea della Cultura 2019. Penso inoltre che, mentre tra le altre candidate, tutte bellissime, possiamo individuare affinità, Matera sia un “unicum” di fascino.

Tommaso Ricci, invece, ricorre a una similitudine: “È come assistere ad un concorso di bellezza in cui sfilano sei belle fanciulle che mostrano i loro gioielli più preziosi, tra queste, però, Matera ci invita a guardarla per quello che è prima ancora che per quello che ha”. Poi aggiunge: “Quanti hanno contribuito alla costruzione di questa città, aiutandola ad uscire dalla condizione di ‘vergogna’, sono diventati artisti inconsapevoli e fautori della candidatura a Capitale Europea”.