L’Ordine degli Ingegneri della provincia di Matera ricorda il Sisma 1980

0
507

In occasione del quarantesimo anniversario dal sisma del 23 novembre 1980, l’Ordine degli Ingegneri della provincia di Matera, per il tramite del suo presidente, ing. Giuseppe Sicolo, ha emanato la seguente dichiarazione:

“Sono passati quarant’anni da quando la terrà tremò in Irpinia e Basilicata, seminando ovunque grandi devastazioni e la disperazione per i tanti lutti che decimarono le popolazioni di quei paesi.

Sebbene la macchina della ricostruzione abbia accumulato, in tutti questi anni, un ritardo imperdonabile e – in diversi casi – ormai incolmabile, non possiamo dimenticare il ruolo sociale che la nostra categoria professionale ha rappresentato in tutte le piccole comunità della Basilicata. Con la loro attività di progettazione per la ricostruzione del patrimonio abitativo locale, gli ingegneri lucani hanno impresso orientamento e fiducia verso le famiglie della regione, spesso verso amici e parenti in preda allo sconforto; con il loro lavoro gli ingegneri, in tutti questi anni, hanno rappresentato il prezioso collegamento tra il dramma del sisma e il ritorno alla normalità quotidiana. Certo questa esperienza, spesso commovente, è stata una scuola fondamentale per la preparazione dei nostri ingegneri, ma occorre sottolineare quanto questa categoria professionale trovi un connaturato motivo d’esistere proprio al servizio delle persone, delle loro famiglie, e delle attività amministrative ed economiche del proprio territorio.

Oggi la figura dell’ingegnere rappresenta più che mai l’avamposto tecnico e, soprattutto, culturale, affinché una comunità locale – grazie anche all’evoluzione dei dispositivi legislativi, come in Basilicata è certamente avvenuto, anche molto di recente – aspiri ad una sempre più corretta applicazione dei moderni principi costruttivi, ad una razionale gestione delle risorse del territorio, e alla migliore assicurazione che le storie di morte e distruzione, come quella del 1980, non abbiano più a ripetersi”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here